Ecoisole, dal settore ambiente una guida al corretto utilizzo

non sostituiscono il “porta a porta” e devono essere utilizzate, solo in casi eccezionali, esclusivamente dalle utenze domestiche

Data:
02 Febbraio 2021
Immagine non trovata

Per agevolare il conferimento dei rifiuti urbani da parte dei cittadini e potenziare la raccolta differenziata, specie nelle aree ad alta concentrazione turistica, evitando l’abbandono incontrollato, sono state posizionate ecoisole informatizzate, accessibili tramite identificazione con la tessera sanitaria o attraverso il codice QR.

Ricordiamo che è vietato conferire rifiuti diversi da quelli previsti: carta, cartone, plastica, barattolame, organico, secco residuo, così come abbandonarli sul suolo in prossimità delle strutture.

In più, da qualche tempo, le ecoisole sono impropriamente utilizzate in alternativa al servizio di raccolta “porta a porta” o da chi, ancora peggio, non si è dotato di mastelli.

Il settore ambiente ribadisce che le Ecoisole sono un supporto solo ai rifiuti domestici e per quei cittadini impossibilitati a rispettare l’esposizione dei propri rifiuti, nei calendari e orari prestabiliti. Non vanno utilizzate per rifiuti conferiti dalle attività commerciali.

Le Ecoisole, infine, non sostituiscono né modificano il servizio di raccolta domiciliare. La loro funzione è quella di integrazione al Centro di Raccolta, con la possibilità di conferire piccoli quantitativi di rifiuti differenziati.

L’invito per la cittadinanza è usare le isole ecologiche solo in caso di effettiva necessità.

 

 

Ultimo aggiornamento

Giovedi 18 Novembre 2021