emergenza Covid-19: pubblicato il DPCM 18 ottobre 2020. Le novità principali

Il nuovo provvedimento modifica il precedente DPCM 13 ottobre 2020. Tra le nuove misure, restrizioni alle attività di ristorazione e possibilità per i sindaci di chiudere piazze e vie dopo le 21

Data:
20 Ottobre 2020
Immagine non trovata

Pubblicato, nella Gazzetta Ufficiale n.258 del 18 ottobre, il DPCM del 18 ottobre 2020, che modifica il precedente DPCM 13 ottobre 2020 in materia di emergenza Covid-19.
Le disposizioni del decreto si applicano dal 19 ottobre 2020, ad eccezione di quanto previsto dall'art. 1, comma 1, lettera d), n. 6, che si applica dal 21 ottobre 2020, e sono efficaci fino al 13 novembre 2020.
De seguito, le principali novità:

chiusura piazze e vie  
i sindaci potranno disporre “la chiusura al pubblico, dopo le ore 21, di vie o piazze nei centri urbani dove si possono creare situazioni di assembramento, fatta salva la possibilità di accesso e deflusso agli esercizi commerciali legittimamente aperti e alle abitazioni private”. 

bar e ristoranti 

  • le attività di bar e ristoranti sono consentite dalle 5 alle 24 con consumo al tavolo, e con un massimo di sei persone per tavolo, e fino alle 18 in assenza di consumo al tavolo
  • sempre consentita la ristorazione con consegna a domicilio. L’asporto sarà permesso fino alle 24, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze
  • gli esercenti dovranno esporre obbligatoriamente all’ingresso del locale un cartello che riporti il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente
  • restano sempre aperti bar e ristoranti nelle aree di servizio lungo le autostrade, negli ospedali e negli aeroporti

sagre, fiere e congressi

  • vietate le sagre e le fiere di paese
  • consentite le manifestazioni fieristiche di carattere nazionale e internazionale, nel rispetto dei protocollo anti-Covid-19
  • sospesi convegni e congressi, ad eccezione di quelli che si svolgono con modalità a distanza

sale giochi

  • obbligo di chiusura alle 21 per le sale giochi, sale scommesse e bingo

sport di contatto

  • confermato il divieto di svolgimento degli sport di contatto a livello amatoriale
  • l’attività sportiva dilettantistica di base, le scuole e l’attività formativa di avviamento relative agli sport di contatto sono consentite solo in forma individuale e non sono consentite gare e competizioni
  • consentiti soltanto gli eventi e le competizioni riguardanti gli sport individuali e di squadra riconosciuti di interesse nazionale o regionale dal Comitato olimpico nazionale italiano, dal Comitato italiano paralimpico e dalle rispettive federazioni sportive nazionali

palestre e piscine 

  • restano aperte ma verrà data una settimana di tempo ai gestori per allinearsi ai protocolli di sicurezza

lavoro   

  • le riunioni all'interno delle PA (Comuni inclusi) devono svolgersi in modalità a distanza, salvo la sussistenza di motivate ragioni di interesse pubblico
  • fortemente raccomandato lo svolgimento delle riunioni private in modalità a distanza.

In allegato, il testo coordinato dei DPCM 13 e 18 ottobre 2020
 

Ultimo aggiornamento

Giovedi 18 Novembre 2021